» Home > Dropbox e i cloud provider USA

Dropbox e i cloud provider USA

Garante privacy europeo: -Non usare i cloud provider USA. Conformarsi a Schrems II-

Data: 04/11/2020

Dopo l'annullamento dell Privacy Shield, il Garante privacy europeo mette in guardia l’intera Unione europea sul trasferimento dei dati personali verso gli Stati Uniti e la invita ad utilizzare cloud provider che rispettano solo la normativa europea sulla data protection. 

La raccomandazione del Garante europeo della protezione dei dati è rivolta, in prima battuta, ad istituzioni, uffici, agenzie e organi dell’Unione europea: “I trasferimenti internazionali in corso e futuri siano effettuati in conformità con la legge sulla protezione dei dati dell’UE”.

La raccomandazione, e quindi la bocciatura ai cloud provider USA, è contenuta nella strategia delineata dal Garante europeo della protezione dei dati per consentire a tutti i soggetti dell’Unione europea di conformarsi alla sentenza “Scherms II” con cui la Corte di Giustizia Ue ha invalidato il Privacy Shield, in quanto gli Stati Uniti non proteggono a sufficienza il diritto alla riservatezza dei dati personali degli europei Ue trasferiti nei server in USA.
I provider di servizi di comunicazione elettronica statunitensi possono anche dire di rispettare i dettami del GDPR, ma alcune leggi USA (FISA 702 e EO 12333) li possono obbligare a violarlo, il tutto top secret.

Articolo di Key4biz pubblicato il 30/10/2020

Feed RSS
Copyright © 2018-2021 IMPRESAWEB s.r.l. - P.Iva 02639840699
impresaweb.euDisclaimerInformativa Cookies

Il sito guidagdpr.it utilizza i cookie

Utilizziamo cookie tecnici, essenziali per consentire il corretto funzionamento del sito

Nel nostro sito inoltre, sono inclusi servizi di terze parti (statistiche, social media, prenotazioni e simili) che utilizzano dei cookie sui quali non abbiamo alcun controllo.

Esprima la sua preferenza in merito ai cookies che vuole attivare. Per informazioni dettagliate si rechi alla pagina Cookie Policy

Close
^